Il programma svolto nella terza lezione del corso “Disegno con Autocad”

lezione 16 04 18-Model

Ecco il programma svolto nella seconda lezione del corso “Disegno con Autocad”, del 16 aprile 2018.

1. Disegno e modifico: rivediamo velocemente i comandi linea, cerchio, rettangolo e poligoni (disegno) e sposta, ruota, specchia, cancella, offset, taglia ed estendi, cima e raccorda (modifica)

2. I layer, con calma: il concetto del “livello”, gestione dei layer, proprietà dei layer; spegnere, congelare, bloccare.

3. Ognuno è fatto a modo suo: le proprietà degli oggetti.

4. Il tratteggio, per un disegno sempre più bello: comando di base, tratteggi tradizionali e sfumati, il tratteggio associativo. Come portare in avanti e indietro gli oggetti nella visualizzazione.

5. La croce di Malta: disegniamo e mettiamo in pratica le nostre conoscenze.

 

Annunci

Il programma svolto nella seconda lezione del corso “Disegno con Autocad”

lezione 26 03 18-Model

Allego qui il programma svolto nella seconda lezione del corso “Disegno con Autocad”, del 26 marzo 2018.

1. Un veloce ripasso degli strumenti di disegno e di precisione: linea, cerchio, rettangolo e poligoni, con l’aiuto di “puntamento”. Strumenti di precisione: polare, snap ad oggetto.

2. Continuiamo a modificare: i comandi cancella, offset, taglia ed estendi, cima e raccorda

3. Per me, è greco: disegniamo una greca per mettere in pratica quanto già appreso

4. Il mondo è fatto a layer: il concetto del “livello”, gestione dei layer, proprietà dei layer; spegnere, congelare, bloccare.

Il water di Cattelan

Quando l’abbondanza del denaro arriva prima della cultura, abbiamo lo spettacolo del telefono d’oro. E non si dice cultura per dire il sapere scolastico, ma informazione, informazione di tutto ciò che succede , di ciò che rende interessante la vita.”

Bruno Munari

toilet-2-750x400

Il water d’oro, funzionante e a disposizione dei visitatori del Museo Guggenheim di New York, opera di Maurizio Cattelan.

La prima lezione del corso “Disegno con Autocad” (19 marzo)

lezione 19 03 2018 immagine

Allego qui il programma svolto alla prima lezione del corso “Disegno con Autocad”, l’applicativo CAD di Autodesk che abbiamo installato nella versione studenti/insegnanti.

1. Una passeggiata per lo schermo: barre degli strumenti, navigazione nello spazio modello

2. Gestire i file: aprire, salvare, creare un nuovo file

3. Il concetto di unità

4. Gestire la vista: con il mouse (pan e zoom) e con i comandi

5. Disegnare una linea: il comando linea, come Autocad gestisce i comandi di disegno

6. Gli aiuti per disegnare: Orto, Polare, Puntamento, come scegliere angoli e misure

7. Le coordinate e gli angoli in Autocad

8. Selezionare: selezionare al tocco, con la finestra interseca, con la finestra comprendi, deselezionare con ESC

9. Disegnare un cerchio, un rettangolo, un poligono (e un’ellisse)

10. Per la precisione: conoscere ed utilizzare gli snap ad oggetto

11. Interrogare il disegno: il comando MISURA

12. Iniziamo a modificare: SPOSTA, COPIA, SPECCHIO.

 

Disegnare gli scacchi

dsc_0205_1_4Per la prima esercitazione sugli scacchi, come anticipato in classe, dovete cercare tre diversi set di scacchi (qui ne pubblico alcuni esempi) e di ognuno realizzare un foglio (dimensioni A4 o più) dove inserire un disegno a mano di almeno tre pezzi. Di seguito, un esempio di disegno che ho realizzato di una torre:

torre

Buon lavoro!

6d8758b2e56930eb3ae07ca05727bb60dsc_0111_9_1

Una costruzione sulla griglia dei triangoli equilateri (una bella griglia davvero)

Pubblico per il disegno delle prime la costruzione modulare che segue, tratta da questo link, di un sito molto interessante:

http://www.didatticarte.it/Blog/?p=442&lang=fr

Iniziamo costruendo una griglia con le seguenti misure (in mm) dentro cui allocare la stella che ho disegnato. La griglia è formata da triangoli equilateri, quindi angoli di 60 gradi. Lato del triangolo: 2 cm, ovvero 20 mm.stelle ed esagoni 1Avrete notato che la stella sta al centro della composizione (un modo certo di posizionare la griglia al centro del foglio). Proseguiamo tracciando sei esagoni attorno alla stella (a sei punte).

stelle ed esagoni 2Compreso il modo di “legare” stelle ed esagoni, continuiamo con le stelle.

stelle ed esagoni-ModelA questo punto, saturiamo lo spazio a disposizione di esagoni e stelle. Si formano anche delle strane figure ad “S” tra stelle ed esagoni.

stelle ed esagoni 4A questo punto, io ho provato a colorare solo gli spazi ad “S” che vi dicevo, e il risultato è molto interessante.

stelle ed esagoni 5Buon lavoro!